Museo della Grande Guerra di Ragogna - Ragogna (UD)

Nel 1917 le fiamme della Grande Guerra incendiarono per la prima volta i paesi e le dolci alture del Friuli Collinare. Sul Monte di Ragogna, dinnanzi alla Stretta di Pinzano e presso il Ponte di Cornino, le retroguardie italiane combatterono per diversi giorni al fine di contenere l’attacco portato da quasi quattro Divisioni austro-germaniche, risolute a valicare il maggior fiume friulano e ad annientare il Regio Esercito che si stava ritirando dopo la sconfitta di Caporetto. Quell’operazione difensiva, passata alla storia come “Battaglia del Tagliamento”, consentì la riorganizzazione delle truppe italiane sul fronte del Piave, rivelandosi determinante per gli esiti stessi del conflitto. Le vestigia, i siti, la tragica storia di quegli eventi sino a pochi anni fa dimenticati, sono stati oggi valorizzati grazie al Progetto comunitario Interreg “I luoghi della Grande Guerra nel Friuli Collinare”. Il cuore di questa realtà è il Museo della Grande Guerra di Ragogna, inaugurato nel 2007 presso il Centro Culturale del capoluogo (San Giacomo), che si propone come uno dei maggiori punti di riferimento regionali per la ricerca sul Primo Conflitto Mondiale, attraendo ogni anno migliaia di visitatori ed appassionati. Il Museo, caratterizzato da un’impronta bilingue italiano/tedesco, si rivela strutturato su due sezioni tematiche, un’ampia sala multimediale ed il vano deputato all’esposizioni temporanee.

Vai alla scheda completa Entra nella mappa
 

Sito realizzato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Friuli Venezia Giulia
Piazza Libertà, 7 - 34132 - TRIESTE - Tel. +39 040 4194811 Fax +39 040 4194820